Il progetto dell’Associazione Laboratorio del Cittadino APS vuole privilegiare il contatto diretto degli alunni da 3 a 14 anni con i Patti territoriali dell’educazione al patrimonio culturale ereditato con le opere del pittore Pietro Vannucci detto “Il Perugino”. Attuata, attraverso metodologie, pratiche e linguaggi molteplici in una pluralità di contesti fisici e virtuali, l’educazione al patrimonio culturale del Perugino, consentirà di:
– Migliorare i diritti educativi e il contrasto alla povertà educativa dei minori.
– Arricchire l’ideazione di interventi educativi coordinati e supportati con soggetti istituzionali territoriali e associativi con la messa a disposizione degli edifici scolastici, musei, teatri, biblioteche, archivi, cinema, parchi.
– Conseguire abilità comunicative e di mediazione culturale per suscitare interesse, trasferire conoscenze, generare consapevolezza in relazione all’ eredità patrimoniale culturale nei contesti sociali di riferimento.
– Adottare una metodologia “learning by-doing” di esperienze dirette per apprendere facendo dove imparare non sia solo memorizzare, ma anche e soprattutto comprendere il grande valore dell’arte del Perugino.
– Avvalersi delle molteplici strutture presenti nelle differenti realtà territoriali dove opereremo.
– Sviluppare competenze nei campi delle arti, della cultura in modo trasversale a tutte le discipline potenziando le abilità che bambini, bambine e adolescenti potranno acquisire. L’educazione artistica e culturale è essenziale per i diritti umani alla cultura, le pari opportunità e il diritto a un mondo sostenibile con l’utilizzo di metodologie partecipative.

Numerose sono le attività realizzate con gli studenti delle scuole primarie e secondarie del Trasimeno:

Il Perugino – 500 anni l’esperienza degli strumenti musicali e il Chatbot AI addestrato sulla vita del Perugino

Il video dell’iniziativa legata al progetto “Patti Territoriali: educazione al patrimonio culturale” – Il Perugino, realizzato con il supporto della Fondazione Perugia in collaborazione con la Scuola di Musica del Trasimeno e la Direzione Didattica Franco Rasetti di Castiglione del Lago, rappresenta un prezioso contributo alla valorizzazione e diffusione della cultura e del patrimonio locale. Attraverso la collaborazione di diverse entità e il talento di Andrea Bernardini nella realizzazione del video, si evidenzia l’importanza dell’impegno condiviso nella promozione dell’arte e della storia. La partecipazione della Scuola di Musica del Trasimeno e della Direzione Didattica Franco Rasetti di Castiglione del Lago sottolinea il coinvolgimento attivo delle istituzioni educative nella diffusione della conoscenza e della sensibilizzazione verso il patrimonio culturale.

Questa attività è nata da un idea di Mariella Morbidelli, che ossrvando il dipinto “Ascensione di Cristo” ha voluto portare a conoscenza i pià giovani delle tecninche musicale rinascimentali, le tipologie di strumenti e infine un’analisi dell’opera stessa.

Prima e dopo il concerto il Prof. Luigi Ricci ha presentato una ricerca sugli strumenti storici dipinti nell’opera “Ascensione di Cristo” dipinto a olio su tavola (280×216 cm).

Ascensione di Cristo. Pietro Perugino

 

Nuove applicazioni digitali a supporto della didattica e conservazione del Patrimonio

Fra le iniziative del Progetto e il patrimonio acquisito è stato anche utilizzato per l’istruzione di un Chatbot AI, in fase sperimentale, in grado di rispondere alle domande principali sulla vita del Perugino, sulle opere e sulla relazione sugli strumenti illustrati e approfonditi durante l’incontro con i ragazzi realizzato grazie al contributo dell’Associazione Lottava Rima.

Ancora in fase sperimentale è possibile porre fino a 50 domande al giorno per ciascun ricercatore o insegnante interessato ad approfondire.

PROVA IL CHATBOT SULLA VITA E LE OPERE DEL PERUGINO

  • Cosa può fare il Chatbot AI Addestrato sui dati della vita e opera del Perugino?
    Il Chatbot AI addestrato sui dati della vita e opera del Perugino può svolgere diverse attività utili. Ad esempio, può fornire informazioni dettagliate sulla vita e le opere del Perugino, rispondere a domande più o meno specifiche su dipinti, tecniche pittoriche e influenze artistiche, nonché offrire approfondimenti su contesti storici e culturali legati all’epoca in cui visse l’artista, fornire sempre le fonti da cui sta attingendo.
    Inoltre, il Chatbot può essere programmato per suggerire itinerari turistici e locali in zona, che includano le principali opere del Perugino, offrendo così un supporto prezioso ai visitatori interessati a esplorare le sue creazioni in loco e farsi raccontare altre memorie. Grazie alla sua capacità di apprendimento e alle sue conoscenze specializzate, il Chatbot AI potrà costituire un’utile risorsa per gli appassionati d’arte, gli studenti, i ricercatori e tutti coloro che desiderano approfondire la comprensione della figura e del contributo artistico del Perugino.
  • Quali sono le fonti utilizzare per addestrare il Chatbot sul Perugino?
    Abbiamo utilizzato una serie di fonti estratte da Wikipedia, oltre che documenti a supporto forniti da alcuni specialisti del settore, illustrati durante gli incontri. Durante il processo di ricerca, ci siamo avvalsi di una vasta gamma di fonti per garantire la completezza e l’affidabilità delle informazioni raccolte. Le fonti provenienti da Wikipedia ci hanno fornito una panoramica generale approfondita su diversi argomenti, mentre i documenti presentati durante gli incontri hanno offerto approfondimenti specifici e più dettagliati, in particolare sugli strumenti musicale. I PDF relativi a pubblicazioni online e offline hanno arricchito ulteriormente il nostro lavoro, fornendoci dati accurati e verificabili. L’approccio multidisciplinare nell’uso delle fonti, che viene mostrata dal Chatbot ad ogni interazione, ci ha permesso di ottenere una prima visione del tema affrontato.

Laboratori artistici ispirati alle opere del perugino con gli studenti delle scuole primarie di Umbertide, Castiglione del Lago, Panicale e Città della Pieve.